Domenica, 02 Giugno 2019

Nota alla stampa del 1°.6.2019

comunicati stampaNon accetto lezioni di etica e moralismi da parte del Consigliere Arena. Il mio impegno quotidiano per la città e la sensibilità dimostrata verso chi soffre situazioni di disagio a 360° rappresentano punti fermi del mio operato quotidiano.
Questa valutazione, a mio avviso, a prescindere dall'appartenenza politica o mera contrapposizione, dovrebbe appartenere anche all'avversario politico che onestamente dovrebbe riconoscerlo.
L' agone politico ispicese (definiamolo così) non ha però ancora raggiunto questo grado di maturità.La storia personale di ciascuno di noi parla chiaro: questo è l'unico aspetto riportato nell'offensivo documento diramato da Arena su cui concordo pienamente.
Così come è nello stile che mi appartiene e che continuerò a seguire nel servire la città, sino a quando i cittadini lo vorranno, preferisco non cedere a basse provocazioni che appartengono ad un modus operandi vecchio stampo ed intriso d'odio che ha già fatto male alla città.I cittadini ispicesi di questi atteggiamenti ne stanno ancora pagando amaramente le conseguenze.
La mia Amministrazione, con in testa l'ex assessore ai servizi sociali dott.ssa Angela Gianì, si è spesa con generosità per i diversamente abili.
Il testimone è stato poi raccolto dalla dott.ssa Eva Moncada Moncada che ha brillantemente proseguito nel solco tracciato.
Chi ci accusa oggi d'insensibilità verso chi soffre ha amministrato la città prima senza mai realizzare nessun atto in favore di questi cittadini.
Questa amministrazione, al contrario, ha realizzato le rampe in v.le Rapisardi, C.so Garibaldi, presso la Scuola di Via Vitt.Veneto, via della Pittura, l'accesso per la Piazza dedicata a don Paolo Ferlisi oltre a quelle che si stanno realizzando in via Brescia, gli accessi al mare ed i servizi, la fontana posizionata in piazza grazie al contributo della Banda musicale A.Toscanini, e sempre grazie a questi ultimi, la sedia job.
Certi temi dovrebbero restare fuori dalla contrapposizione politica, ma purtroppo, in questo caso, con amarezza prendo atto che non è stato così.

Il Sindaco
Pierenzo Muraglie